Home / Vita privata / Visita medica per la patente
Visita medica con certificato

Visita medica per la patente

In questi giorni mi sono ritrovato a dover aggiornare la patente di guida per aggiungere la categoria A3. Come avevo già fatto in passato, mi sono rivolto alla motorizzazione civile la quale mi ha fornito i moduli da riempire per avere il foglio bianco, che diventa foglio rosa dopo un mese e finalmente patente dopo l’esame di guida.

Anche questa volta, come già mi era successo in passato, prima di avere i vari attestati, devo fare la classica visita medica. Ovviamente mi sono rivolto all’ASL la quale, oltre alla classica marca da bollo da 14,62 € mi ha richiesto, per la prima volta, un balzello da 41 €. Ecco, già a questo punto la mia domanda sul perché io debba pagare il Servizio Sanitario Nazionale se poi, nel momento in cui mi serve un certificato medico io devo pagare nuovamente.

Va beh, messa l’anima in pace e pronto a pagare questo balzello, inizio a leggere la documentazione che mi serve per avere il certificato medico: fototessera, documenti di identità e certificato anamnestico. Quest’ultimo punto mi è nuovo, e mi viene indicato che lo devo fare dal mio medico di fiducia. Va bene, mi reco dal medico di fiducia e scopro che si tratta di un certificato in cui indico di non avere malattie a un costo di 50 €. E qua mi nasce una seconda domanda: perché lo stesso certificato non può essere a carico dell’ASL?

Ricapitolando, devo fare:

  • un certificato medico all’ASL dal costo di 41 €
  • aggiungere un bollo da 14,62 €
  • un certificato anamnestico da 50 €

Totale 105 € per avere due certificati, totalmente falsi, dove due dottori mi fanno 4 domande e scrivono ciò che io indico. Non basterebbe un autocertificazione? E soprattutto, perché devo continuare a pagare il SSN se poi ogni certificato lo devo pagare?

Giusto per aggiungere carne al fuoco, oltre a questi soldi, sommando le due assicurazioni che ho per mezzi a me intestati, pago annualmente una quota di 95 € al SSN. Perché?