Biografia Leonardo da Vinci

Pubblicato Etichettato come Mondo e vita vissuta
Biografia Leonardo da Vinci
Ultima cena di Leonardo da Vinci, visibile a Milano, nella chiesa di Santa Maria delle Grazie

Leonardo da Vinci (Leonardo di Ser Piero d’Antonio) nasce il 15 Aprile del 1452 nel borgo di Vinci tra Empoli e Pistoia. Il padre notaio lo ebbe da una donna, Caterina, che poi sposerà un contadino.

Nonostante il figlio fosse illegittimo, Leonardo venne accolto in casa paterna come un figlio, li fu educato e cresciuto. A 16 anni, Leonardo, si sposta con tutta la famiglia a Firenze.

Leonardo da Vinci
Il ritratto di Leonardo da Vinci

La personalità artistica di Leonardo si inizia a sviluppare nella bottega di Andrea Verrocchio, pittore acclamato. Dal 1482 e nei successivi 17 anni, Leonardo da Vinci, lavorò per Ludovico Sforza, Duca di Milano, conducendo una sua bottega che pullulava di allievi.

Intanto a Milano, nel 1498, furono rovesciati gli Sforza, Leonardo restò qualche altro tempo. Andò via da Milano quando trovò degli arcieri francesi che si esercitavano con il suo cavallo, a grandezza reale, in creta.

Si spostò a Mantova dove stette un paio di mesi, poi a Venezia e quindi di nuovo a Firenze, alla fine di Aprile del 1500.

Nel 1506, Da Vinci, tornò a Milano, ora nelle mani di Massimiliano Sforza.

Dal 1513 al 1516 Leonardo visse a Roma dove erano presenti anche Michelangelo e Raffaello anche se non entrarono mai in contatto.

Nel 1515 Francesco I di Francia, che aveva preso di nuovo Milano, commissionò a Leonardo da Vinci la parte centrale di un leone meccanico per i colloqui di pace tra il Re francese e il Papa Leone X.

Nel 1516 diventò dipendente e amico del Re Francesco I, il suo incarico era primo pittore, ingegnere e architetto del Re.

Leonardo da Vinci morì in Francia, nel castello di Cloux, vicino ad Amboise nel 1519.

Le opere d’arte

uomo vitruviano
L’uomo vitruviano di Leonardo da Vinci

Leonardo fece tantissime opere, ma solo 17 pitture e nessuna statua sono sopravvissute, tra queste ci sono:

  • L’ultima cena opera del 1498, che oggi si trova nel convento di Santa Maria alle Grazie a Milano;
  • La Monna Lisa (La gioconda), creata nel 1503-1506 e conservata oggi nel museo del Louvre di Parigi.

Altre opere rimasero incomplete, infatti Leonardo da Vinci era solito lasciare i lavori a metà, fu così con L’adorazione dei Magi e La battaglia di Anghiari che doveva fare negli uffizi.

Scienze e arte

Leonardo da Vinci era anche un grande studioso in campo scientifico e ingegneristico, tutti registrati in libri che contengono qualcosa come 8000 pagine. Si tratta dei famosi codici di Leonardo.

Leonardo era mancino e fece uso della scrittura speculare, cioè scrivere da destra verso sinistra. Nella sua vita realizzò una enciclopedia ma poiché mancava di una educazione in Latino e Matematica, fu ignorato dalla maggior parte degli scienziati suoi contemporanei.

Fu sempre affascinato dal volo e dedicò tanti studi al volo degli uccelli creando anche un elicottero azionato da 4 uomini.

Nei suoi studi c’è anche l’uomo, famosissimo l’uomo vitruviano, disegno del corpo umano che per la prima volta dimostrano le simmetrie dell’uomo.

Architettura e filosofia

Leonardo da Vinci si interessava anche di architettura, infatti non si hanno prove certe ma sembra sia intervenuto nella creazione di parecchi edifici, oltre a tutti i progetti che fece lui, e alla filosofia.

Quello che è arrivato ai giorni nostri, ed è facilmente visibile essendo all’aperto, sono i Navigli milanesi, sistema artificiale di fiumi creato per poter dare un corso d’acqua (principalmente per il trasporto delle merci) anche alla capitale ambrosiana.

La sua personalità

La personalità di Leonardo da Vinci è stata sempre circondata da un alone di mistero. Lui era l’uomo nuovo, e talvolta non accettato, in un epoca grezza e spesso chiusa dall’ideologia.

Questo spinge ancora oggi a creare storie e romanzi sulla sua figura. Come ad esempio Dan Brown con il libro Il codice da Vinci. Secondo Dan Brown Leonardo era misterioso poiché nascondeva un segreto.

Ad alimentare tutto questo è stata sopratutto la scoperta che Leonardo da Vinci appartenesse ad una società segreta di tipo massonico conosciuta come Priorato di Sion alla quale sono legate tante leggende e storielle come quella del Santo Graal. Storie al quanto assurde e fuori da ogni nesso che sporcano la figura di Leonardo da Vinci e la sua grandezza.