Home / Politica / Una legge zittisce il Web

Una legge zittisce il Web

Leggo da Webnews una notizia che ha dell’impossibile, per non dire altro. Un disegno di legge proposto da Riccardo Franco Levi, braccio destro di Prodi, è stato approvato e deve essere discusso in Parlamento.

Ma cosa dice questo disegno di legge? Semplice: chiunque ha un sito web lo deve iscrivere al ROC (Registro degli Operatori di Comunicazione) e deve essere registrato come giornalista, o almeno un autore deve essere giornalista.

Ciò significa che praticamente tutti i blog e i siti web Italiani dovrebbero chiudere, infatti nessun sito praticamente segue queste regole.

Ma una cosa del genere è possibile? Può accadere? Secondo me questa legge è al limite dell’impossibile, quasi improponibile, senza né testa e né coda. Innanzi tutto a chi si rivolge? Solo ai siti .it? Alle persone Italiane? Ai siti che sono su server italiani? Nel primo caso, siti .it, prevedo una migrazione di massa verso i domini .com con la fine del NIC. Nel secondo caso, persone, prevedo che chiunque si registrerà con nomi falsi, sempre i .com, sui quali ci sono pochissimi controlli. Nel terzo caso vedo la chiusura di tantissime aziende di hosting Italiane, in quantoo tutti migrerebbero all’estero.

Insomma… comunque vada sarà un fallimento per l’Italia e per chi in Italia ci lavora. In Birmania hanno oscurato Internet per non far diffondere le immagini di quanto succedeva, in Italia stanno facendo lo stesso.

Ovviamente delle polemiche sono arrivate dal blogger più conosciuto al momento: Beppe Grillo.

Chi ne volesse sapere di più può leggere la pagina su governo.it in cui si annuncia che il disegno legge è stato accettato, oppure scaricare il pdf, sempre da governo.it

Io penso che questa legge non passerà mai e questa è stata solo una mossa di Levi per farsi pubblicità, in caso passasse, finirà nel dimenticatoio. Insomma… vedo difficile la sua applicazione. Cosa ne pensate? Ah, qui ancora parliamo di web 2.0…

x

Check Also

Benvenuto 3 Italia

Passa a Tre Italia e il credito diminuisce da solo

Oggi vorrei parlare di Tre Italia, l’operatore di telefonia mobile approdato per ultimo su questo mercato, oramai 10 anni fa. Ne parlo poiché nella mia vita ho avuto esperienza con tutti gli operatori (nasco con Wind, passo a TIM e quindi a Vodafone, per tornare poi in TIM) ma mai ...

Costa Concordia dopo l'incidente

Costa Crociere trasloca in Germania

Michael Thamm, amministratore delegato di Costa Crociere è stato molto chiaro: l’azienda trasloca e due terzi dei dipendenti andranno ad Amburgo. Ciò perché la condanna a 16 anni di carcere per Schettino è il simbolo di una “cultura da estirpare”. C’era un tempo in cui gli italiani erano: Un popolo ...

Logo fatto quotidiano

Il Fatto Quotidiano e Facebook

Oggi ho letto un articolo del quotidiano diretto da Marco Travaglio in cui si metteva in evidenza come in Facebook si lavora male. L’articolo non mi ha convinto ma in mancanza di altre fonti dirette non avrei potuto controbattere. Stasera però ho letto interventi di amici, che nel social di ...

Aumento con TFR in busta paga

TFR in busta paga

Se cerchi il calcolatore del TFR in busta paga clicca qui. Si fa un gran parlare in questi giorni del Trattamento di fine rapporto in busta paga, ciò poiché, nelle intenzioni del governo Renzi, il lavoratore dovrebbe essere libero di decidere se avere subito o a fine rapporto i suoi ...